Il trasferimento della Caserma Gavoglio

19.12.2016

Il programma di valorizzazione dell’ex caserma Gavoglio nel quartiere genovese del Lagaccio è stato firmato nel salone di Rappresentanza di Palazzo Tursi dal sindaco Marco Doria, dal direttore generale dell’Agenzia del Demanio Roberto Reggi e dal segretario regionale del MiBact Elisabetta Piccioni.

“Chiudiamo il percorso avviato alcuni anni fa grazie alla legge sul federalismo demaniale – commenta il sindaco Marco Doria – una legge importante che ci consente di acquisire a titolo gratuito la caserma Gavoglio per restituirla ai cittadini. Per il futuro è già pronto un progetto che prevede una importante riqualificazione, con spazi verdi per il tempo libero e lo sport. Nel ‘Patto per Genova’ firmato con l’ex presidente del Consiglio Matteo Renzi è previsto un finanziamento per valorizzare i beni demaniali”.

L’obiettivo è realizzare, all’interno dell’ex proiettificio militare, attività di natura culturale, sociale, economica e nuovi spazi verdi nell’ex complesso demaniale da 19.100 metri quadrati coperti, 30.900 scoperti, per un volume complessivo degli edifici oggi presenti di circa 223.400 metri cubi. E’ già prevista le demolizione della maggior parte degli edifici non vincolati per creare nuovi spazi verdi pubblici attrezzati per tempo libero, gioco e sport, la creazione di un parco urbano da circa 5 mln di euro, di cui 3,1 ottenuti da fondi europei e 1,7 investiti direttamente dal Comune.

Il progetto europeo UNALAB presentato nell’ambito di un bando del programma Horizon 2020-Smart Cities and Communities, permetterà al Comune di Genova di realizzare un parco urbano: il bando europeo porterà alla città di Genova un finanziamento di 3.144.068 euro, con una quota per il Comune di Genova di 1.710.250 euro”.